Giornata Mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

A volte credo che potremmo e dovremmo ripartire da loro, dai loro occhi e dal loro sorriso…l’ingenuità che li accompagna nei gesti, la voglia di condividere, giocare e coinvolgere i pari, a prescindere dalle differenze individuali, sociali o culturali, è qualcosa di strepitoso a cui possiamo solo ispirarci.

Possiamo costruire un futuro diverso per i bambini e gli adolescenti di oggi, a partire dai passi che muoviamo istante dopo istante, nella consapevolezza che loro si ispirano a noi, alle nostre azioni, a quello che vedono nei media e a tutto ciò che emerge nel loro contesto.

Mi è rimasto impressa la scena di qualche giorno fa quando il padre si incamminava verso l’auto e il bambino si è fermato e ha detto “papà, aspettami”, allora ho sorriso al bimbo e in quel silenzio c’era la complicità di chi ha compreso che a volte quello che i bambini ci dicono e il modo che scelgono per dircelo fa più rumore di qualsiasi altra cosa…ogni tanto dimentichiamoci il cellulare, mettiamolo da parte, ricordiamoci di poter stare con loro, di giocare con loro, assaporando quella gioia così pura e autentica di essere lì con loro e fare qualcosa che nutre e arricchisce entrambi.

Riconoscere quanto sia importante esserci, prendere contatto con il momento presente, sintonizzarsi con i propri valori e adoperarsi per fare qualcosa di importante…questo è sempre possibile!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*